Costellazioni-pleiadi

Stelle dalla Preistoria: il sito di RocceRè

Stonehenge, Gran Bretagna: il monumento megalitico più complesso e celebre d’Europa che sorge nel centro di una grande necropoli con centinaia di tombe a tumulo, è considerato dagli studiosi il primo esempio di osservatorio astronomico.

Senza andare tanto lontano, in Valle Maira, nel comune di Roccabruna, in provincia di Cuneo si trovano numerose incisioni e un numero impressionante di rocce (circa 5.000) in cui sono state ricavate manualmente degli incavi che riproducono in modo evidente la forma di alcune costellazioni. Dette anche coppelle o pietre a scodella, queste rocce costituiscono un nostrano e preistorico osservatorio astronomico che è stato oggetto di studio del prof. Guido Cossard che ha individuato nel sito di RocceRè una splendida rappresentazione della costellazione di Perseo.

Noi di Rivista Savej abbiamo incontrato il prof. Cossard per approfondire attraverso la sua esperienza di che cosa si occupa l’archeoastronomia, a che punto si trovano gli studi di questa disciplina in Italia e quali altri siti preistorici di questo tipo ci sono in Piemonte e immaginando i nostri antenati dell’età del Bronzo fantasticare sulle stelle, abbiamo anche scoperto alcune curiosità sulla fondazione della città di Torino…

L’archeologia incontra l’astronomia, questa settimana su Rivista Savej.