Buscaglione

Nella Torino swing di Fred Buscaglione

“Che notte! Che notte… quella notte!” cantava così Fred Buscaglione nel 1959 infiammando le notti di una Torino e di un’Italia intera che risorgeva dagli anni bui della guerra a passo di swing. Sguardo da duro, sigaro tra le dita e whisky facile, Buscaglione celava in realtà sotto il suo look da gangster un animo romantico e divertente.

Fred alias Ferdinando Buscaglione era nato a Torino nel 1921 e proprio a Torino era iniziata la sua formazione prima al Conservatorio di piazza Bodoni e poi nei locali jazz della città. È una Torino artisticamente in fermento quella che accoglie e consacra Fred nell’olimpo dei jazzisti europei e sono tanti i suoi successi che ancora oggi ispirano e influenzano numerosi artisti: “Carina”, “Guarda che luna” “Eri piccola”, solo per citarne alcuni. Come una vera stella la sua luce ha brillato molto, ma per un tempo troppo breve: Buscaglione morirà infatti tragicamente a soli 38 anni in un incidente d’auto.

Ricordiamo oggi su Rivista Savej la Torino attraverso cui Fred sfrecciava veloce sulla sua Ford Thunderbird rosa. Il cielo dei bars è un locale fumoso, frequentato da bambole sensuali e uomini in doppio petto, e in fondo alla sala suona un’orchestra jazz al cui ritmo non riuscirete a resistere!