Mattino-alta-valle-macra-ridimens

Matteo Olivero, il pittore della luce

Una luce vibrante illumina i paesaggi innevati e le bucoliche valli riprodotte da Matteo Olivero, definito il “pittore della neve”, ma che più propriamente sarebbe meglio chiamare “pittore della luce” per la sua capacità di rappresentare sulle sue tele la poetica della natura.

Nato vicino ad Acceglio, nell’Alta Valle Maira nel 1879, Olivero nelle sue opere ha rincorso la luce almeno quanto nel suo animo è stato inseguito dall’oscurità delle crisi depressive che lo hanno accompagnato per tutta la vita fino alla sua tragica conclusione. Divisionista di grande capacità tecnica, Olivero ha attraversato, e in parte subìto, la rivoluzione guidata dalle avanguardie nell’arte, rimanendo fedele al suo desiderio di dipingere solo ciò che vedeva e sentiva, anche a rischio di risultare fuori moda.

Ripercorriamo l’opera pittorica di quest’artista inquieto questa settimana su Rivista Savej.