Incisione-colorata-ritaglio

Madre Amedea Vercellone

Nella Torino di inizio ‘600 il nome di Madre Amedea, al secolo Cristina Vercellone era molto noto. Le visioni che la accompagnarono durante l’infanzia, e le miracolose guarigioni e premonizioni che le vennero attribuite, le valsero infatti la fama di mistica.

Maturata la scelta di prendere i voti come clarissa cappuccina nel 1627, Madre Amedea divenne badessa nel 1641 a soli trentuno anni e addirittura consigliera della Madama Reale, la duchessa Maria Cristina. Il mistero che ha ammantato la sua vita continua ancora oggi: il suo corpo riposa incorrotto in una piccola chiesetta in Corso Casale a Torino.

È una storia di meditazione e mistero quella che vi raccontiamo questa settimana su Rivista Savej.