Ritratto-luigi-palma-di-cesnola-cover-e1604487337683

Luigi Palma di Cesnola, generale e archeologo

Istituita nel 1862, la Medaglia d’Onore del Congresso è la più alta onorificenza militare assegnata dal governo degli Stati Uniti. Oltre 1.400 medaglie d’onore vennero assegnate ai combattenti della Guerra Civile, e di queste, settantatré a uomini che parteciparono alla Campagna di Gettysburg – nell’estate del 1863. Di questi settantatré uomini, uno era nato a Rivarolo Canavese: è Luigi Palma di Cesnola.

Dietro questo prestigioso riconoscimento si cela in realtà un’ombra. Fu infatti a causa di uno scandalo, che Palma di Cesnola fu costretto ad abbandonare la brillante carriera militare verso cui era avviato, per approdare come migrante a New York nel 1858, e arruolarsi poi, qualche anno dopo, nell’esercito unionista col grado di Maggiore.

Abbandonato il servizio militare, Palma di Cesnola si trasferirà sull’isola di Cipro per dedicarsi a intensi scavi archeologici. L’utilizzo di metodi ai limiti della legalità non gli impedranno di essere nominato, qualche anno dopo, primo direttore del Metropolitan Museum of Art di New York, presso il quale sono conservati circa 22.000 reperti della sua collezione cipriota.

Polemiche ed eccessi caratterizzeranno tutta la vita dell’ufficiale canavesano… pesanti dubbi verranno sollevati, infatti, sull’effettiva autenticità di molti suoi ritrovamenti. Un piemontese spregiudicato e avventuroso, questa settimana su Rivista Savej!