Sermoni02

Le origini piemontesi di alcune parole italiane

Vi siete mai chiesti che origini hanno parole utilizzate comunemente nella lingua italiana? Termini come naia, imbranato, ramazza etc. potrebbero avere una storia più controversa e misteriosa di quella attestata dai più famosi dizionari italiani…

Bruno Villata, professore emerito alla Concordia University di Montréal, parte proprio da questo assunto per approfondire un suo recente studio dal titolo Note an sla data ëd la prima atestassiun ëd chèiche parola italian-a [Note sulla data della prima attestazione di qualche parola italiana].

I Sermoni Subalpini prima testimonianza medioevale della lingua piemontese, contengono molti termini a cui i vocabolari italiani attribuiscono origini molto più recenti. Villata cerca quindi di gettare nuova luce sulle origini spesso dimenticate di alcuni vocaboli, origini che si ritrovano in quel piemontese arcaico dei Sermoni che Villata definisce lingua d’oé.

Comuni parole italiane nascondono storie curiose che si perdono del tempo e Rivista Savej questa settimana vi porta alla loro scoperta.