Bandiera_tanaria

L’Associazione Geronimo Carbonò in viaggio lungo il Tanaro

Un poeta dialettale, un Ape Piaggio, un coniglio e il fiume Tanaro, sono questi gli ingredienti che danno vita a “Aigua, Eua, Oiva, Aqua — Le voci del Tanaro” 90 minuti di viaggio etnolinguistico lungo le valli piemontesi.

Una definizione di questo tipo potrebbe subito far pensare alla celebre corazzata Potëmkin di fantozziana memoria, invece questo documentario realizzato dall’Associazione Geronimo Carbonò ripercorre con tono scanzonato i 276 km del corso del Tanaro per analizzare in maniera seria ma mai seriosa, i differenti dialetti e le variazioni linguistiche che determinano la vita delle comunità umane del territorio, prima che queste cadano nell’oblio. Allo stesso tempo, l’intero viaggio offre la possibilità di avvicinarsi alla nuova realtà geopolitica della Tanària, uno “stato dell’anima”.

Rivista Savej questa settimana ha incontrato per voi Alessandro Ingaria dell’Associazione Geronimo Carbonò per scoprire attraverso le sue parole i confini (se sistono) della Tanària e le attività di quest’associazione dal nome insolito.