Carrozza_napoleone_cover

La carrozza di Napoleone

Un anno dopo l’anniversario dei duecento anni dalla morte di Napoleone è ancora possibile ammirare presso la Reggia di Venaria la bellissima carrozza usata dal Generale nel 1805 per il viaggio che da Parigi lo condusse a Milano in occasione dell’incoronazione a re d’Italia. Le notizie sulla carrozza, che per un periodo fu anche di proprietà del sensitivo torinese Gustavo Rol, sono però frammentarie: c’è chi ipotizza che si ruppe prima di giungere a Torino e chi ne colloca l’abbandono proprio a Marengo. Quel che è certo è che si trovava nel luogo della grande battaglia napoleonica all’inizio del Novecento, come dimostrano le cartoline dell’epoca. Si narra che la carrozza fu addirittura dimenticata in una cascina, trasformandosi in un rifugio per le galline.

Oggi, visitare la carrozza di Napoleone alla Reggia di Venaria è per noi un modo per capire come viveva, sfarzosamente, l’Imperatore e scoprire ad esempio che le sue vetture erano di due tipologie: per i voyages de guerre e per i viaggi all’interno dell’Impero. Ogni carrozza appartenuta a Napoleone era diversa. Non era, infatti, una semplice berlina, ma un mezzo versatile, funzionale, a rapida e altissima trasformabilità. Spesso erano progettate da lui stesso, costruite poi da un carrozziere di genio. Avevano ogni confort e lusso, soprattutto per la scelta dei materiali e per il senso estetico. Il grande restauro operato dal Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale svela inoltre araldi nascosti e piccoli segreti tutti da scoprire.

Scopriamo teorie e misteri sulla carrozza di Napoleone questa settimana su Rivista Savej!