Immagine-per-sito

Giuseppe Deabate, il poeta triste

“Oh quante volte col pensiero ritorno/o vecchia casa del villaggio mio./alla dolcezza dei tuoi lari e al giorno/in cui ti dissi addio!” con questi versi Giuseppe Deabate descriveva la struggente malinconica che lo legava al suo paese natio, San Germano Vercellese. Malinconia che ritornerà in molte sue opere, non sole poetiche.

Deabate è stato infatti anche giornalista della Gazzetta del Popolo e critico teatrale molto seguito. Nonostante fosse perfettamente integrato nel vivace ambiente letterario del capoluogo piemontese, Deabate non ha mai dimenticato le sue origini, raccontando con amore le storie della sua piana vercellese.

Rivista Savej questa settimana vi racconta la storia di questa poeta sensibile, umile e ingiustamente dimenticato.