Collage-prova-e1542791982959

Giovanna Battista Maria Clementi, detta “la Clementina”

All’inizio del ‘700 per una giovane donna l’iscrizione all’Università de’ Pittori, Scultori e Architetti, la futura Accademia Albertina di Belle Arti era fuori discussione, questo tipo d’istruzione era infatti prerogativa degli uomini. Nonostante questo Giovanna Battista Maria Clementi, che fin da giovanissima aveva mostrato un profondo talento artistico, riuscì a costruirsi una brillante carriera come pittrice.

Allieva di Giovanni Battista Curlando, pittore di corte specializzato in ritratti, Giovanna Battista Maria riuscì ad introdursi nella corte Sabauda, diventando niente meno che la ritrattista ufficiale del re a tutti nota come la Clementina. Giovanna infatti decise di firmare i suoi lavori con il cognome del marito, Giuseppe Bartolomeo Clementi, da sempre fervente sostenitore del suo talento.

Questa settimana su Rivista Savej seguiamo il suo tratto elegante tra i volti della nobiltà piemontese che le sue preziose tele ci hanno consegnato alla memoria.