D1480024-e1619595055115

Come si progetta un videogioco?

Il dibattito riguardante le nuove tecnologie e le loro ripercussioni sui più giovani è un tema molto attuale, per questo abbiamo voluto parlarne con Marco Mazzaglia, docente al Politecnico di Torino di “Game Design e Gamification”, un corso nato con lo scopo di dare agli studenti tutti gli strumenti per imparare a progettare un videogioco. Mazzaglia è inoltre uno dei massimi esperti in Italia per quanto riguarda i videogiochi e la cultura videoludica, una passione nata in tenera età trasmessa dal padre.

In pochi sanno che al giorno d’oggi il videogioco, grazie alla sua interattività e capacità di immersione, è uno strumento diffuso a livello aziendale – dalla gestione del personale fino al marketing – ma anche applicato a campi sociali, medici e scientifici. Spesso i videogiochi vengono guardati con sospetto da adulti e genitori, semplicemente perché li conoscono poco. Il suggerimento di Mazzaglia è quello di intraprendere un percorso tecnologico assieme ai propri figli, imparando insieme e ponendo dei limiti nelle tempistiche e nelle situazioni in cui farne uso.

Torino è, con Bologna e Milano, al centro della game industry italiana grazie ad aziende in crescita e all’avanguardia sui mercati internazionali, e chissà che grazie a corsi accademici specifici come quello tenuto dal professor Mazzaglia non venga mantenuto questo ruolo di spicco del capoluogo torinese grazie al contributo dei progettatori di domani.

Le parole di Marco Mazzaglia, questa settimana su Rivista Savej!