Nitroglicerina-1024x789

Ascanio Sobrero, l’inventore della nitroglicerina terrorizzato dalla dinamite

Alfred Nobel è comunemente noto per essere l’inventore della dinamite, tuttavia pochi sanno quanto la vita e il successo dello scienziato svedese siano strettamente legati al nome di un piemontese, il chimico Ascanio Sobrero.

Fu Sobrero infatti nel 1847 a sintetizzare in un laboratorio chimico di Via Po a Torino, la nitroglicerina, un preparato, come avrà modo di dichiarare lui stesso, “talmente pericoloso che il miglior consiglio è il non farne uso”. Nobel invece ne riconobbe tutte le possibili applicazioni e brevettò la dinamite, non senza prima aver riconosciuto un vitalizio allo stesso Sobrero quale ringraziamento per la sua opera.

Sorsero così in Italia i primi dinamitifici, tra i quali uno dei primi e dei più grandi, situato ad Avigliana in provincia di Torino, è oggi un museo che ricorda le rischiose condizioni di lavoro degli operai del tempo che, in maniera assai inusuale per l’epoca, erano principalmente donne, le cui mani svelte e sottili erano considerate le più adatte per maneggiare oggetti così instabili.

È la storia di un sogno infranto quella che vi raccontiamo questa settimana su Rivista Savej, il sogno di un uomo che desiderava votare la sua scoperta al progresso della medicina, ma che la storia ne fece amaramente uno strumento di morte.